Equipe Neu-Uro

Per info: neurourologia@gmail.com

Annunci

53 Responses to Equipe Neu-Uro

  1. maria grazia cicala ha detto:

    vorrei sapere a chi rivolgermi per diagnosticare una eventuale patologia del pudendo, possibilmente su Roma.
    grazie
    distinti saluti
    maria grazia cicala

  2. alessandro ha detto:

    Salve
    sarei anchio interesato a sarepe riferimenti per un iter diagnostico x la stessa patologia ……possibilmente su napoli
    ma eventualkmetne anche in altre citta
    grazie

  3. ALE ha detto:

    Su Napoli non conosco nessuno.
    A Roma ci sarebbe il professor Pesce.

    A Milano invece ci siamo noi: Multimedica dal dr. Cappellano

    • Maria Grazia ha detto:

      Grazie mille anche se con estremo ritardo. Dopo aver contattato il prof Pesce, finalmente, sto bene, ma non era una nevralgia del pudendo, bensì una infiammazione del pelvico e del muscolo elevatore dell’ano che mi hanno reso la vita impossibile per ben 4 anni!

      • cristina ha detto:

        come HAI FATTO A RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INFIAMMAZIONE DEL MUSCOLO ELEVATORE DELL’ANO?

      • arredoeconvivio ha detto:

        Scusa il ritardo, ma non mi era stata inoltrata la tua risposta, sono andata in cura presso il prof Pesce di Roma, come dicevo, che mi ha fatto fare una ginnastica riabilitativa e dei massaggi. Spero che tu abbia risolto i tuoi problemi. In caso contrario contattami e sarà più precisa.

      • Stuffy ha detto:

        Ciao
        Sto vivendo anch’io un periodo molto difficile a causa di un’infiammazione della muscolatura pelvica e ogni strada che percorro sembra essere inutile.
        Posso chiederti in che modo il prof. Pesce ti ha curata?

    • katia ha detto:

      io ho bisogno di un incontro urgente con il dott.cappellano vi prego inviatemi un e-mail dicendomi cm lo incontro katiaeraffy@libero.it

  4. Antonio ha detto:

    Salve, vorrei sapere a chi rivolgermi per effettuare il seguente esame:
    “EMG pavimento pelvico”, visto che qui da noi in Puglia è tutto tabù.
    Sareste così gentili da fornirmi anche numero di telefono per contattare e prendere appuntamento?
    Grazie

  5. Rita63 ha detto:

    Salv, sono una donna di 45 anni che dopo vari interventi per endometriosi, ho subito una colectomia totale co ileorettostomia per stipsi cronica con transito estremamente rallentato. Dopo circa tre dall’ intervento il problema della stipsi si è fatto di nuovo evidente. Mi sono sottoposta a vari consulti medici e diagnostici che hanno escluso patologie inerenti all morfologia dell’intestino. Ho effettuato anche una vautazione neurofisiologica strumentale dal quale è scaturito il seguente giuduzio diagnostico:
    “Possibile radicolopatia sacrale S1-S2 sinistra, S3-S4 bilaterale: necessario valutazione RM midollo e cauda”.
    Ora vi chiedo se questo tipo di esame può dare ulteriori conferme a quanto già diagnosticato, ese così vorrei qulche consigli da parte vostra su cosa fare.

    Ringrazio anticipatamente per una risposta esauriente.

  6. angelo ha detto:

    Salve a tutti, conoscete qualcuno veramente bravo per la nevralgia del pudendo?…

  7. Patrizia ha detto:

    Io mi sono trovata benissimo nell’equipe di neuro-urologia del Dr. Cappellano presso il Policlinico Multimedica di Sesto San Giovanni (MI).
    Ottimo personale, ottimi medici, gentili e molto seri nel loro lavoro. Mi hanno messo subito a mio agio, spiegandomi in maniera dettagliata ogni mio dubbio o perplessità. Ora sono in cura presso di loro, e mi viene da piangere se penso che ho girato per anni, in Italia e all’estero, a vuoto, senza mai avere avuto un minimo di beneficio.

    @Angelo, ti consiglio di non perdere tempo in giro per ospedali e di andare direttamente lì. Hanno un centro molto avanzato di neuro-urologia inquadramento del paziente multidisciplinare.
    Rimango a tua disposizione per eventuali chiarimenti.

  8. lucia ha detto:

    soffro da nni prima di sciatalgie di natura sconusciuta poi inizio a soffrire anche di problemi urinari e impossibilità di avere rapposrti….son 13 anni ke soffro nn hanno mai presi in cosiderazione una vecchia emg in cui si rilevava una radicolopatia cronica bilatarale s1 l5 piu compressione all’ulnare bilaterale…ho tutti i sintomi a dx…la mia sx è sanissima la dx è un suseguirsi di dolori al piede osso sacro sciatalgia dolori al fianco …ora sono dalla graziottin per una vulvodinia…ma ora ad eempio mi è ritornato un atrice dolore al peiede …infatti ho il polpaccio dx completamente insensibile…un consuglio???da anni cerco di capire per me è e come un blocco di qualcoa ke mi sta creando la viata na schifezza,,hiedo suggerimenti

  9. giuseppe ha detto:

    salve vorrei sapere a chi rivolgermi per diagnosticare una eventuale patologia del pudendo, possibilmente su palermo.

    cordiali saluti

    giuseppe Bova

  10. Aldo61 ha detto:

    Leggo con molto interesse gli articoli relativi a RADICOLOPATIE, in particolare mi ha colpito l’affermazione che se il danno neuromotorio è “stabilizzato” l’eventuale intervento chirurgico potrebbe non accompagnarsi alla ripresa funzionale.
    Io non sono un medico ma quest’affermazione ha confermto un mio timore e dubbio ed in proposito vorrei chiederVi: Verificata la presenza di un ernia al disco quanto tempo è opportuno insistere con la farmacologia (anche in presenza di qualche modesto miglioramento) senza correre il rischio che eventuali danni diventino irreparabili?
    Vi rinrazio anticipatamente per la cortese risposta
    cordiali saluti
    Aldo Canne

  11. patrizia ha detto:

    salve vorrei informazioni su: infiammazione del pudendo nella zona di genova grazie

  12. brunetto ha detto:

    mi è stata diagnosticata una sofferenza n.pudendo sx.ho eseguito PNTLM,POTENZIALI EVOCATI,EMG,DEFECOGRAFIA.MANOMETRIA RETTALE,RMN rachide lombare che evidenziato grave ernia mediana con conflitto L2-L3 ed L5-S1 senzapparente conflito disco-radicolare..
    Il sintomo peggiore è una stisi molto grave insorta improvvisamente 3 anni fa,con dolori quotidiani alla flessura intestinale sx,dolori brucianti al pene,scroto e perineo,senso di corpo estramneo rettale.
    E’possibile che una stipsi così grave sia dovuta alla sofferenza del nervo? A chi posso rivolgermi?
    grazie se avrete la bontà di rispondermi,
    Brunetto

  13. luca ha detto:

    Buongiorno, Gentilissimi dottori sono a contattarVI in merito a un problema persistente oramai da settembre. e mi scuso sin da ora del dilungare della mail ma sei mesi sono molti e quindi molti anche i pareri! Ho 27 anni. maschio, 80 kg, intolleranza ai latticini. il tutto è iniziato all’improvviso con un dolore al testicolo sinistro e fastidio in zona inguinale all’inizio di Settembre,
    dopo due giorni di dolori sono stato dall’urologo in ospedale che dopo ecografia ha escluso orchialgia, infiammazione epididimi, varicocele e idrocele, e mi ha diagnosticato una infiammazione della vescica.mi prescrive antibiotico LEVOXACIN per cinque giorni piu supposte topster. il dolore al testicolo passa ma il fastidio in zona inguinale e testicolare era ancora esistente, piu difficoltà e bruciore durante la minzione; ho quindi effettuato urinocolltura e spermiocoltura dove sono risultato positivo a STAFILOCOCCO AUREO nel liquido seminale con esame delle urine ok e urinocoltura con flora polimicrobica da probabile inquinamento.(qundi da rifare). Mi reco dal mio medico che tramite antibiogramma mi somministra antibiotico RIFADIN per otto giorni.In piu gli faccio presente un leggero prurito anale. Dall’assunzione del rifadin ho avuto fortissimi dolori gastrointestinali con fortissimi dolori alla schiena e ai reni, durante la notte, tipo crisi di colica che durano almeno un’oretta, (con nei primi 4 giorni diarrea e poi stitichezza). Pensando fosse l’antibiotico e concausa la mia intolleranza ai latticini, smetto dopo sette giorni di prenderlo e mi accorgo che i dolori mi si ripresentano in egual misura soprattutto quando ho il sentore di defecare(non riuscendo peraltro per due giorni) con sudorazione e tachicardia, e bruciori intestinali di notte e al mattino per altri due giorni.(considerando che mangiavo poco e in bianco). Premetto che gia a marzo avevo avuto una leggera dispepsia curatami con un gastroprotettore. Mi sono quindi recato in ospedale dove dopo una flebo di ANTRA E BUSCOPAN mi hanno detto che i dolori erano dovuti all’assunzione dell’antibiotico e che gli esami del sangue riportavano solo, P-proteina C reattiva (PCR), un risultato di 45,2 mg/L. che quindi significa una infezione in corso. Mi dicono di prendere Pariet 20 per un mese e Sucralfin bustine per 15 gg.
    inizio la cura ma non sento miglioramenti al fastidio inguino-testicolare , come se ci fosse qualcosa sotto che mi tira lo scroto verso il basso e verso la coscia!
    prendo appuntamento quindi presso urologo privato che dopo visita digitale esclude prostatite dato che la prostata non mi duole e mi fa ripetere le analisi.stavolta mi trovano positivo a escherichia coli nel liquido seminale
    e mi prescrive gentalyn 80 da iniettare per 10 gg.
    eseguo anche una ecografia dell’addome completa da cui si evince renella e il resto tutto a posto!
    finita la cura ho sempre i fastidi al testicolo anche se molto piu raramente e continuano sopratutto i fastidi intestinali e allo stomaco!
    Vado quindi da un andrologo che dopo ecocolor doppler e visita digitale e transrettale dice:
    ecocolor doppler della via seminale prossimale: tutto ok (non riporto il tutto)
    epididimi: regolari a sinistra piccola idatide di morgagni di 3mm peduncolata senza iperemia al doppler
    non ectasie venose a carico dei plessi pampiniformi
    in ortostatismo non si rilevano reflussi venosi continui
    ecografia della via seminale distale: prostata (tutto ok)
    non incremento del segnale color doppler
    dotti eiaculatori visibili
    vescicole seminali ok
    ecostruttura omogenea
    ampolle deferenziali non dilatate

    esame citologico di secreto prostatico:
    astinenza:4 gg
    leucociti:7-8 pcv a 40x
    ph=7,4
    reperto ai limiti per flogosi

    insomma sintesi conclusiva: IPOTROFIA RELATIVA DELLA GONADE SINISTRA
    DISOMOGENEITA PROSTATICA CON QUADRO CITOLOGICO DEL SECRETO PROSTATICO AI LIMITI PER FLOGOSI
    e quindi mi dice che ho una prostatite (anche se la prostata al tatto è ok e non mi fa male)dato che nel frattempo durante masturbazione i giorni precedenti lo sperma era sempre gelatinoso
    e ho avuto un caso di emospermia.gli spiego inoltre che ho sempre le feci malformate e quindi mi toglie verdure e pasta e mi prescrive supposte topster per emorroidi
    e fermenti probotioci.
    mi reco inoltre da un osteopata che è l’unico che riesce a distendermi un po, nel senso che all’inizio di settembre la gamba in zona femorale era molto legata e facevo fatica a camminare mentre ora pian piano soprattutto dopo 4 sedute da questo
    omeopata mi sembra meglio anche se ogni tanto mi si addormenta e mi da fastidio anche il piede e il ginocchio!
    poi mio padre stufo di vedermi soffrire mi porta da un suo vecchio dottore che invece mi trova una colite spastica, siamo oramai sotto natale e dato che gli altri dottori prima mi avevano tolto dalla dieta i soliti cibi piccanti, fritti ed elaborati
    oltre ad alcool e fumo, questo medico mi prescrive il debridat per una settimana e mi dice di tornare a mangiare tutto cio che volevo senza problemi!
    in piu riguardo al mio fastidio testicolare ipotizza una sub-torsione!
    passo il periodo di capodanno all’estero e nonostante il bere e il mangiare mi trovo bene, solo un caso di mal di schiena forte proprio la notte di capodanno!
    Le ricordo che da settembre ho persistenti delle emorroidi interne senza mai casi di sanguinamento solo alle volte un fastidio quando resto seduto o in piedi per troppo ma mai nell’atto di defecare!
    torno dalle vacanze e per tutto gennaio sembra andar bene tranne il solito fastidio testicolare che va e viene e l’interstino che fa sempre i capricci anche se con i fermenti le feci sembrano molto migliorate!
    a fine gennaio torno dall’andrologo per ripetere la coltura del secreto prostatico e gli faccio presente che il fastidio testicolare persiste oltre al fatto che un dottore mi abbia supposto una subtorsione come inizio di tutti i miei problemi!
    mi risottopone all’ecocolor doppler, tutto uguale a prima piu o meno:+gonadi regolari..ecostruttura disomogenea per sfumata mocrolitiasi
    epididimi regolari… ecostruttura omogenea
    a sinistra idatide di morgagni di 3,5 mm peduncolata e fluttuante, no ectasie venose…no reflussi venosi continui

    esame citologico di secreto prostatico:
    astinenza 7gg
    leucociti 2-3 pcv a 40x
    volume 20mcrl
    reperto non flogistico.sintesi conclusiva: IPOTROFIA RELATIVA DELLA GONADE SINISTRA E MICROLITIASI TESTICOLARE IN ASSENZA DI FLOGOSI DEL SECRETO PROSTATICO.
    mi dice quindi che la prostatite è passata e dato che ho sempre male alla gamba, alla schiena ogni tanto, mi suggerisce una RX rachide anca sx e bacino e RNM lombo sacrale.
    la risonanza non rivela nulla mentre la radiografia dice:
    ridotta lordosi fisiologica e schisi dell’arco posteriore in S1
    gli chiedo delucidazioni sul fatto della subtorsione ma mi dice che è impossibile ora verificarla e sostiene che al massimo possa essere una subtorsione del funicolo spermatico o dell’idatide sinistra dato che quando me la schiaccia mi duole parecchio
    togliendomi quasi il respiro!ma mi dice che dovrei avere una crisi e correre da lui per verificarla! e che comunque una operazione non tutti la consigliano aquesta età!

    nel frattempo siamo a inizio febbraio ho perso ben 10 chili e i vari esami sangue, urine e feci sono sempre a posto
    anche la spermiocoltura è sempre negativa!
    tranne il ferro che è molto basso e gia si era riscontrato così anche a inizio dicembre!

    a inzio febbraio non so piu cosa fare e non riesco a capire se il tutto dipenda dal testicolo, dall’intestino o dalla gamba e quindi dalla schiena!
    so soltanto che dopo sei mesi ho gli stessi identici sintomi tranne l’esordio ovvero il male ai testicoli che ora è un fastidio che va a viene a suo piacimento e non so assolutamnte
    collegare e capire da dove provenga il tutto!

    il mio medico mi dice di fare una visita neurologica e poi al limite di vedere un ortopedico!
    e siamo finalmente ad oggi, fisso quindi un nuovo appuntamento con un neuro-urologo del quale mi viene fatto il nome in una sala d’attesa
    e vado: gli spiego tutta la trafila e mi dice subito che puo essere: ancora infezione prostata, diverticoli colon o neuropatia nervo pudendo!
    dopo visita digitale e anche lui come gli altri escludendo ernie, varicoceli e altro mi trova sensibile al nervo pudendo a sinistra.

    mi dice sostanzialmete che gli antibiotici li ho presi per nulla che mi hanno bombardato stomaco e intestino
    e la sua diagnosi finale è:
    EO: TRIGGER+++ A LIVELLO DELLA SPINA ISCHIATICA E DEL CANALE DI ALCOCK A SINISTRA
    mi prescrive laroxyl, lyrica e pelvilen per tre mesi e arrivederci..gli chiedo da cosa possa dipendere e mi dice che puo essere o la postura o l’infezione avuta quindi la prostatite che ha infiammato il nervo!
    ora: problemi di postura ne ho e quindi sono a chiedere :non sarebbe meglio procedere con una riabilitazione posturale prima di prendere questi farmaci che non sono altro che anti depressivi????????

    e soprattutto è questa finalmente la mia diagnosi o puo essere altro dato che la gamba a me sembra sempre come imballata!effettivamente lì dove mi ha schiacciato mi duole proprio come quando ho il fastidio al testicolo
    ma la gamba, il femore e l’intestino allora?è tutto collegabile con questa neuropatia?o puo essere una radicolopatia del nervo genito-femorale?

    quali esami diagnosticano con esattezza quale nervo è colpito????

    nel ringraziarVi anticipatamente del tempo dedicatomi e nella speranza di capire il mio disagio e in un consiglio sul da farsi,
    Vi porgo i miei piu cordiali saluti

    LV

    • gianluca ha detto:

      Sig luca, trovo solo ora sul web, la sua lettera, che fotografa nel dettaglio I’ll mio attuale stato di salute. Da mesi soffro dello stesso problema che dpo consulenze da svariati professori, non sono ancora stati in grado di una diagnosi che abbia portato a miglioramenti. Voglia essre cosi gentile da condividere I suoi risultati della guarigione. Cordiali saluti gianluca

      • Mauro ha detto:

        Ciao gianluca anche io fotografo la stessa situazione di luca ed a distanza di ben 12 anni soffro come non mai tutti questi disturbi elencati. Devo dire che negli ultimi 2 anni si è veramente impennato il problema ed ad oggi dopo essere andato da vari dottori di cui anche il prof. Pesce non vedo molta luce sia nella diagnosi ma soprattutto nella cura che va sempre a sfociare su cose chimiche che tamponano ma che non risolvono un bel nulla anzi ti peggiorano la situazione. Non so piu che fare forse mi tocca andare alla multimedia in quanto a roma non c’è nessuno capace…… Voi come vi state muovendo…

  14. Daniele Vasta ha detto:

    Gentile Staff,

    mi rivolgo a voi come ultima spiaggia per il mio problema che vi esporrò in breve:

    in data 16 / 04 /2010 sono stato operato di calcolosi renale (calcolo di 8 mm nell’uretere distale dx) mediante litotrissia endoscopica per via ureteroscopica. ho avuto dolori per circa (mese nella zona renale, ok, ci sta tutto) però sono passati 8 mesi da allora ed io ho ancora dolori. Premetto che una TAC e una urografia con m.d.c, dimostrano che non ho più nulla, ossia nessuna presenza di (micro)-litiasi nè idronefrosi. Dicono che i miei reni e il mio apparato urinario sono perfetti.

    Ho avuto una prostatite abatterica (forse causata da cateterismo) che ho curato con xatral e adesso con integratori a base di serenoa.

    Per dirla breve: ho ancora dolori nella zona subito sotto il costato sia davanti che dietro, e un senso di bruciore, quando contraggo lo sfintere anale non mi fa male l’ano ma bensì la schiena, ossia i muscoli paravertebrali delle vertebre lombari sotto il costato. Può essere che si siano infiammati muscoli o nervi a seguito della litotrissia?? Ho consultato urologi, ortopedici, neurologi e tutti mi dicono che sto bene, ma non è vero.

    Abito a Catania, posso rivolgermi a qualcuno in zona??

    Confido in una vostra risposta

    Grazie

    Dott. Daniele vasta

  15. Alfonso ha detto:

    Nome:Alfonso
    Età: 16
    Sesso: Maschio

    Malattie importanti: VESCICA NEUROGENA IN ESITO DI SPINA BIFIDA MIELOMENINGOCELE

    Salve,
    come lei saprà bene, sono affetto da questa patologia sin dalla nascita oltre a iniezioni intradetrusoriali di tossina botulinica. Fino ad oggi non ho subito alcun intervento chirurgico alla vescica. Attualmente, io e i miei genitori stiamo valutando l’ipotesi di un intervento chirurgico, ma prima vorrei sapere se secondo lei, il mio caso è suscettibile di intervento e, in tal caso, quali sono i margini di miglioramento.
    La ringrazio di vero cuore per l’attenzione che potrà riservarmi,
    cordiali saluti.

    P.S Vorrei sapere uno dei massimi esperti in questi casi

  16. Emmanuele Di Dio ha detto:

    Sono passati quasi sei mesi da quando una forte lombosciatalgia che alla fine mi è stata riassunta in:
    esiti di paresi dello SPE piede dx in E.D. L4-L5-S1, resta paresi dell’EPA e del tibiale anteriore; EMG con quadro strumentale di sofferenza della radice di L5 dx.
    Ho avviato un programma riabilitativo, dopo diversi cicli di elettroterapia (compex) e trattamenti manuali, di
    idrokinesiterapia con cauti esercizi di allungamento della catena posteriore per la colonna L-S + deambulazione in acqua per rinforzo muscolare.
    Ho assunto del cortisone nel periodo iniziale e del nicetile, ora prendo solo pastiglie di Nuroxx.
    Procedo con leggeri miglioramenti, chiedo se va bene così o cosa posso fare di altro
    Grazie per l’attenzione che Vorrete dedicarmi.
    EDD

    • GABRIELE PAPPAGALLO ha detto:

      non riesco a conoscere gli elementi che compongono nuroxx:
      Nicetile o acetilcarnetina? Per la lombalgia e protrusione discale.

  17. Antonella Iemma ha detto:

    Gentili Signori,
    Sono una donna di 47 anni.
    Ho un impianto di neuromodulatore sacrale impiantato dal Dott. Spinelli. Da qualche mese ho dei problemi di bruciore anale e difficolta’ a stare seduta si pensava per una ragade ormai guarita.
    Volevo un vostro consulto. E’ possibile accedere al vostro ambulatorio o no.
    Vi ringrazio.

  18. Carla tosti ha detto:

    Gentili signori sono una donna di 41 anni affetta da neuropatia del pudendo ho subito 2 anni di visite esami strumentali e ematici ora sono in cura con diversi farmaci riabilitazione tens chi ha bisogno di aiuto mi può contattare su carlettatm@libero.it sono di Roma

  19. Stefano ha detto:

    A palermo?

  20. Teresa ha detto:

    Sono stata operata da 2 settimane di isterectomia totale e annesectomia bilaterale lps per endometriosi severa cnnneurolisi ischiatica.
    Al risveglio e fino alla settimana successiva la gamba dx (coscia e inguine) erano insensibili al tatto.
    Ora si è risvegliata la parte e sempre la stessa zona mi fa costantemente male, tipo bruciore molto intenso con fitte a volte tipo spilli. Dormire sul lato destro è impossibile per il dolore e anche il semplice sfiorare la zona mi fa male.
    Io cammino ma mi da dolore e pesantezza (tipo stiramento muscolare).
    La fisioterapista che mivprendera’ in cura mi ha chiesto se sto già assumendo farmaci che agiscono sui nervi per disinfiammare la zona. ..non mi è stato prescritto nulla, mi ha consigliato eventuali integratori, potete darmi un aiuto su cosa assumere? !
    Grazie
    Teresa

  21. Stefano ha detto:

    Salve a chi mi rivolgo
    Per diagnosi e cura nevralgia cronica o intrappolamento nervo pudendo a palermo?
    S

  22. Anna Cappuccio ha detto:

    Caro dottore Francesco cappellano buonasera io mi chiamo anna sono sei mesi che soffro di vulvodinia sto in cura da un ginecologo a napoli ma non ho avuto grossi miglioramenti volevo sapere se lei tratta la vulvodinia e se fa vusite anche a napoli la ringrazio aspettouna sua risposta saluti da anna

    • Stefania ha detto:

      Il dottor cappellano non e’ piu in italia, si e’ trasferito negli emirati arabi, il Suo sostituto si chiama ciotti. Chiama alla multimedica e I formati.
      Ciao e in Bocca al lupo

      • simona ha detto:

        Stefania ma non viene piu’ in italia o visita magari una volta al mese solo casi eccezionali?
        che brutt
        a notizia aver saputo che n on e ‘ piu’ in italia

  23. Teresa ha detto:

    Nel settembre 2015 sono stata operata di isteroanesectomia bilaterale e neurolisi nervo ischiatico. Dopo intervento la coscia e inguine erano insensibili.dopo una settimana è comparso dolore neuropatico ho fatto una cura di nicetile im e poi per bocca, ora ho bruciore intenso alla coscia destra e inguine , senso di gonfiore, intorbimento e sensazione di puntura di spilli.ho prenotato una visita alla multimedica privata ma mi han dato appuntamento cn dr. Ciotti, urologo x visita neuro urologica, ma è la visita giusta o ci vuole un neurologo o chi altro??? ? Grazie Teresa

  24. renzo ha detto:

    Volevo sapere zona di Palermo.chi tratta nevralgia del pudendo

    • Stefano ha detto:

      Prova Lauria mi segue lui per una mononeuropatia.

      • Mauro ha detto:

        Ciao stefano vorrei sapere di più su questo tuo problema e come lo stai curando siprattutto cob chi..

      • Stefano ha detto:

        Ciao Mauro, dopo un anno di dolore tra pene e scroto ma piu pene, ho fatto tutte le cure ed esami possibili, ora prendo LYRICA e normast il dolore ora è fastidio dolorante ma sopportabile anche se essendo cronico mi SNERVA. Devo fare Risonanza mezzo di contrasto pelvi e lombosacrale per avere nuova diagnosi e cura…tu che sintomi hai? Me segue un Vemerologo esperto chirurgo, il medico di base e nel
        Tempo piu urologi da 10 mesi uno in particolare LAURIA… Spero un giorno di uscirne…non ho problemi sessuali o urinari ma solo fatidio in quella zona interna ( pudendo zona uretra) quando sto molto in piedi o quando mi scappa la pipì o il gettito dell urina è forte come
        Se il nervo venisse toccato in quel momento di massima rilassatezza della vescica

      • Mauro ha detto:

        Grazie stefano di avermi risposto. Io ho dolore al fianco sx che parte dal centro schiena e gira nrlvfisnco sx fino a coinvolgere l’interno coscia sx fino al ginocchio. Il mio dolore testicolare è un dolore sordo interno e costante ma ci sono dei momenti che sparisce. Al letto il dolore migliora molto ma se mi metto sopino mi comincia a spamare la vescica che sembra che tremi. Ho fatto in questi ultimi 2 anni molti esami ma nessuno mi ha mai dato una diagnosi e una cura. Ho delle grandi difficoltà nel fare i bisogni sia pipì che l’altro e proprio nel fare l’altro ho il piacere di passare 10 15 minuti di sollievo è come se il passaggio delle feci dilati qualche cosa ed io sto meglio. Premetto che ho fatto l’anno scorso anche rm defecografica che ha evidenziato un problema del muscolo puborettale che non rilascia e quindi il bisogno rimane incompleto. Da quando è cominciata questa storia circa 12 anni fa è di gran lunga peggiorata perché all’inizio lamentavo solo questo fastidio testicolare e a quei tempi mi fu visto un varicocele sx che a sentire poteva darmi questa dolenzia. Mi feci sto varicocele e tutto peggioro’ di molto molto molto…. E da quel momento non sono stato più in grado di capire nulla sia io che i vari urologi visti in tutti sti anni. Mi ricordo che quando feci ecodoppler mi fu vista anche una cisti della testa epididimo di 8mm ma che nessuno diede importanza. Ma il mio dolore sembra proprio che viene da li per poi irraggiarsi a tutto l’addome. Appena fui operato di varicocele il mio dolore testicolare diventò insopportabile ed un urologo mi disse che avevo una epididimite e che era normale dopo un intervento di varicocele. Purtroppo la mia storia copia anche molte altre ma ad oggi il problema da circa 2 anni è peggiorato di molto. Purtroppo non so più cosa fare e sono disperato perché devo lavorare per vivere ed in queste condizioni è veramente difficile. Sono indeciso se recarmi a milano alla multimedica dove leggo che sono molto bravi. Che mi dici in proposito? Grazie saluti

  25. Stefano ha detto:

    Amhe io ho avuto dolore alla vescica e al
    Testicolo ora scemati con dolore solo al pene zona profonda a toccare attacco com scroto. Di dove sei? Per il centro medical ormai cappellanon non c’è piu non saprei…

    • Mauro ha detto:

      Si lo so che cappellano non ce ma dicono che lo sostituisce ciotti che spero sia uguale se non simile. Anche perché non ho alternative. Sono do roma e tranne pesce non ce nessuno che sia in grado di fare una diagnosi. Tempo fa circa 8 mesi fa sono andato al policlinico do roma umberto 1 e li mi ha visto una professoressa esperta di patologie del pavimento pelvico che visti i risultati degli esami mi aveva già paventato di mettere un neuromodulatore previo esami che mi aveva chiesto aggiuntivi a quelli che avevo. Devo dire che li ho fatti tutti tranne la colonscopia che ho paura vista la situazione intestinale veramente pesante. Aspettavo di essere chiamato a novembre per una terapia di riabilitazione e tibiale ma come al solito nessuno si è fatto più vivo. Questa è la sanità pubblica a roma. Sono veramente rimasto male e deluso in quanto testuali parole della professoressa disse ” ma lei è giovane non può stare in queste condizioni” parole al vento. Non sono un tipo orgoglioso anzi sono molto molto umile e andare di nuovo a chiedere l’elemosina per essere curato non ce la faccio piuttosto denuncerei chi non facil proprio dovere. Spero che al nord funzioni diversamente o un po meglio visto che ho 50 anni e purtroppo devo lavorare per vivere anzi in queste condizioni sopravvivere…… Se mi puoi dare qualche notizia in merito a cosa stai facendo qualche consiglio perché questo dolore costante mi sta uccidendo in tutti i sensi… Grazie

  26. Stefano ha detto:

    Ma Pesce? Pensavo fosse altrettanto bravo…
    Ripeto al momento prendo il LYRICA 75 due compresse al di e una di Normast 600 ( integratore) forse diminuisce il dolore ma rimane cronico. Appunto fra 10 gg faccio risonanza magnetica con mezzo di contrasto sia pelvica che lombosacrale nella speranza che si veda qlcs. Poi cerco di curare alimentazione. Le ho provate tutte. Prima
    Curata con antibiotici, antiinfiammatori, antidolorifici, cortisonici ( migliorato molto) integratori, alimentaz, fatti milioni fi esami di sangue,urina,sperma, vit.d3, ecografie di tutti i tipi,visite con urologi, andrologi, dermatolgi, venerologi, chirurghi, fisiatra, fisioterapisti, medico base, autocure via internet..ma
    Apparte diminuire il dolore il fastidio rimane cronico. Se non si vedrà nulla a
    Settembre volevo salire da
    pesce ma se tu mi dici che non va allora
    Vedo Milano.
    S

    • Mauro ha detto:

      No ti confesso che con me non è andata anche perché è stato molto vago e molto scortese in quanto gli chiedevo notizie sulla mia patologia e situazione e mi rispondeva q mezza bocca senza dare nulla per scontato. Ma io dico sono un paziente pagante e che pagante prima visita 240 euri visita di 10 min. E poi medicine a go go e terapia co dito al sedere che devo dire ho seguito per circa 10 sedute e poi no ce l’ho fatta vista anche l’assenza di miglioramento evil costo. Non posso campare di miorilassanti e poi dove vai a finire. Anche io come te in questa storia infinita fatta solo di dolore e soldi a fiumi spesi inutilmente con tutti gli esami possibili ma alla fine non ti portano a nessun risultato. Il risultato è che sei sano come un “🐟” e non sanno che farti. Ora io non so la tua età ma io adesso ho 54 anni e dal 2004 che i miei problemi sono cominciati e impennati dopo operazione di varicocele. Vorrei tanto tornare da quell cretino che mi fece questo varicocele e che mi ha distrutto la vita affettiva lavorativa ecc. Inpennandomi i dolori con aggiunti problemi urofecali. Quindi torndo a noi vorrei fare un salto a Milano in quanto sul forum del pudendo ne parlano bene come esperti della materia e con strumentazioni adeguate. Inoltre vorrei avere una diagnosi ef una eventuale conferma se allo stato attuale della mia situazione si paventa la stessa cosa che mi hanno detto al policlinico per il neuromodulatore e se si vorrei che fosse li ho più fiducia di Roma. Teniamoci in contatto per eventuali sviluppi. A dimenticavo ma di dove sei? Ciao

  27. Stefano ha detto:

    40 anni di Palermo…
    Visto che non sei soddisfatto come mai
    Non sei andato prima da Cappellano? Prenota subito e vacci fiducioso. Nel fra tempo vai fal medico di famiglia parlagli del lyrica e del NEUROX E NORMAST magari il
    Dolore diminuisce nelle more della visita.
    Cosa prendi o hai preso come
    Miorilassanti e medicine?
    Fammi sapere
    S

    • Mauro ha detto:

      Il prof.pesce mi dava il lyseen 3 al giorno ed integratore etinerv.
      Non sono andato milano per il semplice motivo che sono di roma ed ho visto dal forum che il più quotato era lui senza fare ste migrazioni alla ricerca del migliore. Ma purtroppo mi sono ricreduto e da fonti di popolo lui è più esperto sulle donne.
      La professoressa che ti dicevo del policlinico invece mi prescrisse il normast ed alanerv acido alfa lipoico. L’ho fatto per un po’ ma poi ho abbandonato per i costi spropositati e l’abituarsi come tutti i farmaci che all’inizio fanno e poi declinano.
      Per quanto riguarda il lyrica ne ho sentito parlare ma già tempo fa un neurologo mi aveva dato una cosa simile il cymbalta ma ho dovuto subito smettere perche mi bloccava la pipì. Presumo che il lyrica sia lo stesso e che alla fine sono medicine che non fanno altro che alzare il livello del dolore per poi fare peggio se ce un problema per non parlare poi del ricoglionimento che non mi posso permettere con il mio lavoro.vediamo gli sviluppi comunque a volte sono costretto a prendere un pezzetto di miorilassante per l’acutizzarsi del dolore. Manteniamoci in contatto per nuove notizie.. Ciao

  28. Stefano ha detto:

    Anche io ho preso etinerv ed elaner oltre che neurox nevralgo ed ora normast 600
    Senza esito se no quello di sborsare tanti soldini…
    Il Liryca è un agisce sul dolore non cura. Io nn ho avuto nessun effetto collaterale ne rincoglionimento devo dire avrei smesso subito per il mio lavoro prettamente di concetto.
    Io con l Ausilio del medico farei un tentativo
    Nell attesa di fare la visita a Milano.

  29. danilo susca ha detto:

    Salve dottori ho 32anni uomo.ho un problema durante la giornata sono umido in punta del pene come se mi esce qualcosa.ho anche due principi dernia bilaterale vicino al pene.non sò se si chiama scrotale la sentita il chirurgo solo tossendo.ho anche l uretra storta.da cosa puo dipendere quell umido?come posso risolverlo?grazie

  30. Chiara Mazzotta ha detto:

    Buongiorno, avrei urgentemente bisogno di contattare e fissare un appuntamento con il dott. Cappellano.
    Qualcuno può aiutarmi? Come posso contattarlo?
    Grazie in anticipo
    Cordiali Saluti
    Chiara

  31. Rosaria Condorelli ha detto:

    Vorrei sapere a chi rivolgermi x diagnosi nervo pudendoabito a catania

  32. Giuliana ha detto:

    Chi conosce il dott. Ciotti?

  33. federico ha detto:

    Salve come possibile avere un consulto anche on line? Ovviamente a pagamento. La mia mail e’ federicopanchetti@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: